Domanda:
Perché così tanti fondatori di intelligenza artificiale erano così ottimisti?
Franck Dernoncourt
2014-10-29 05:19:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink
  • 1954: l'esperimento di Georgetown nel 1954 prevedeva la traduzione completamente automatica di più di sessanta frasi russe in inglese. Gli autori hanno affermato che entro tre o cinque anni, la traduzione automatica sarebbe stato un problema risolto .
  • 1956 - Herbert Simon : " le macchine saranno in grado, entro vent'anni, di svolgere qualsiasi lavoro che un uomo possa fare "
  • 1967 - Marvin Minsky: " entro una generazione ... il problema della creazione di "intelligenza artificiale" sarà sostanzialmente risolto. "
  • ...

Perché così tante AI fondatori così ottimisti nelle prime fasi dell'IA?

Nota che questo potrebbe essere stato solo parte di un tentativo di generare un po 'di clamore. Forse tali affermazioni * non * dovrebbero essere prese sul serio.
@Danu Data la quantità di investimenti in AI in quel momento, tali affermazioni furono probabilmente prese sul serio. Se ci sono alcuni indizi che dimostrano che i fondatori di cui sopra stavano mentendo deliberatamente, anch'io sarei interessato, ma per quanto ne so erano autentici.
Intendevo non serio * in senso scientifico *. Mi sembra che queste affermazioni siano probabilmente almeno in parte motivate dalla necessità di interessare gli investitori e, di fatto, le persone in generale in un campo di studio che era, allora, abbastanza esoterico e apparentemente apparentemente poco importante
@Danu È raro trovare ricercatori che ignorano la necessità di interessare gli investitori, non credo sia sufficiente per respingere l'affermazione, tanto più che molti ricercatori di intelligenza artificiale hanno rilasciato affermazioni forti simili.
OK. Non sono un esperto, quindi non lo saprei. Spero che ci sia una risposta soddisfacente là fuori e che ti trovi! :)
FWIW, potrebbe esserci una risposta. Vedi sotto.
Sei risposte:
#1
+8
Gottfried William
2014-11-10 02:49:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suggerisco che il tacito presupposto nella domanda --- che tutti i fondatori di A.I. erano ottimisti sul fatto che l'obiettivo sarebbe stato raggiunto molto presto --- è storicamente falso.

Alcuni erano ottimisti, ma altrettanti non lo erano, anche se speravano che il loro lavoro fosse un passo verso la realizzazione finale di questo obiettivo in un lontano futuro.

Non sono sicuro che abbia qualcosa a che fare con la generazione in cui facevano parte di essere particolarmente ottimisti. Molti scienziati della stessa generazione, inclusi molti noti fisiologi, erano scettici su tali affermazioni, ma hanno lavorato per dare un contributo verso questo obiettivo.

Molti ricercatori della stessa generazione hanno negato che l'intelligenza artificiale nel senso di puro Turing Le macchine POTREBBERO MAI fare TUTTO il lavoro che i cervelli biologici stavano facendo. M. Lighthill, R. Gerard, N. Rashevsky (creatore dell'inibizione nei modelli di rete neurale), R. Rosen, Popper, Penrose, Hayek, Lucas, Pribram, ecc., Ecc.

Ad esempio, in un articolo ( la tesi di Church e la sua relazione con il concetto di realizzabilità in biologia e fisica ) nel 1962, Rosen, ha sostenuto che la maggior parte delle reti neurali arbitrarie non sono calcolabili. Ciò non significa che l'intelligenza artificiale sia impossibile, ma che richiede altri metodi per realizzare fisicamente il calcolo.

La maggior parte degli schemi suggeriti sono concettualmente reti neurali, ma richiedono la realizzazione di sistemi fisici specializzati, a causa del numero di interconnessioni simultanee. In effetti, si possono accoppiare le macchine di Turing in un modo particolare per creare un sistema non computabile (ipercalcolabile) "nel suo insieme". Tali discussioni erano presenti contemporaneamente a gran parte di A.I. era in fase di sviluppo.

(Questo è stato discusso da J. Copeland negli anni '90 --- e l'unico problema è che il calcolo di Turing è l'unico calcolo che ha un computer universale. La maggior parte dei concetti di ipercomputation manca di realizzazioni universali , ma dipendono dalla loro costruzione da ciò che possono e non possono fare, sono più specializzati.)

McCulluch e Pitts, ad esempio, erano studenti di Rashevsky e hanno pubblicato su argomenti correlati per tutto il corso degli anni '50.

#2
+6
Tom Au
2014-10-29 18:57:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo Generazioni, di William Strauss e Neil Howe (S&H), la cosiddetta Seconda Guerra Mondiale, o "Greatest" Generation, nata nel 1901-1924 in America, era una generazione particolarmente ottimista , in gran parte a causa del loro ciclo di vita. Hanno vinto la seconda guerra mondiale da giovani, hanno fatto atterrare un uomo sulla luna nella loro mezza età e hanno goduto del boom (economico) di Reagan da vecchi. Simon (nato nel 1914), Minsky (nato nel 1919) e lo stesso Reagan (nato nel 1911) erano tutti membri di questa generazione. L '"intelligenza artificiale" è emersa durante il periodo della mezza età di questi uomini, ed è per questo che il loro ottimismo a volte è associato alla loro scienza.

Erano stati formati in questo modo come bambini dai genitori delle due generazioni precedenti: FDR "Rendezvous With Destiny" Generation (o quello che S&H chiamava "Missionaries") e Lost Generation di FitzGerald e Hemingway. Il signor Howe (e il signor Strauss prima che morisse) credono che i giovani di oggi, i cosiddetti Millennials, nati dal 1982 al 2001, siano un'altra generazione ottimista, cresciuta dai Boomer (il moderno "Rendezvous") e dalla Generazione X ( il "nuovo Lost"). Si spera senza una "guerra mondiale" allegata alla loro designazione. Ciò sarebbe particolarmente vero per gli americani, in qualche modo vero per altri in un'economia "globale".

Questi pronosticatori hanno commesso un errore fondamentale; quella di presumere che le generazioni successive saranno come loro e continueranno la loro traiettoria. S&H ha postulato quattro diverse generazioni con priorità diverse, con la quarta più remota (i Millennials), che ha raccolto il "testimone" della generazione della seconda guerra mondiale. Quindi la visione di questi uomini della generazione della seconda guerra mondiale sarà realizzata nella mezza età dei Millennials, negli anni 2020-2030, non durante la mezza età della cosiddetta generazione silenziosa (di Alan Greenspan e Neil Armstrong), (1965 -1985).

#3
+1
Ben Crowell
2016-03-01 21:44:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è una possibile risposta a questa domanda che è piuttosto generica. Mi sono imbattuto in questa idea in un saggio di Robert Heinlein: purtroppo non riesco a trovare il titolo o altre informazioni in questo momento. L'idea è che la tecnologia tende a seguire una curva esponenziale, ma quando le persone immaginano il futuro, tendono ad assumere un progresso lineare.

exponential and linear curves

Il risultato è qualcosa di simile al grafico disegnato sopra. A breve termine, la linea prevede un progresso troppo rapido, ma a lungo termine è il contrario.

Ad esempio, se si guardano i libri di fantascienza del XX secolo, si prevede che I viaggi spaziali umani saranno molto più comuni ed economicamente sostenibili di quanto si sia effettivamente rivelato. Ad esempio, negli anni '60 hanno progettato colonie lunari negli anni '70.

L'IA potrebbe essere solo un altro esempio dello stesso fenomeno.

#4
+1
Lysistrata
2016-03-07 03:28:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In breve, hanno sottovalutato l'importanza primaria del contesto.

L'intelligenza artificiale può essere superiore allo sforzo umano in alcuni mondi piccoli, ben definiti e autonomi, ad es. piccoli veicoli e macchine che girano attorno a un magazzino, ma nel mondo reale si perdono e possono essere completamente superati dai bambini piccoli.

Non riesco a immaginare nessuna intelligenza artificiale nel prossimo futuro in grado di capire il linguaggio, lo slang e l'argot degli adolescenti. Non solo cambia rapidamente, ma include ironia, sarcasmo, implicazioni negative e molto, molto di più, cose che un programma per computer, non importa quanto sofisticato, non sarà in grado di tenere il passo, per la ragione principale per cui gli adolescenti non pubblicizzano necessariamente il modo in cui il loro slang deve essere inteso. Devi essere parte della "folla". In effetti, fanno di tutto per assicurarsi che gli altri non capiscano le sottigliezze.

C'è molto di più, ovviamente, ma il linguaggio umano è un aspetto in cui i programmi per computer sono completamente inferiori e rimarrà tale, forse per sempre.

#5
  0
WBT
2016-03-01 09:26:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se non fossero stati così ottimisti, avrebbero invece intrapreso altri sforzi e non sarebbero diventati i fondatori di AI.

Esiste un pregiudizio di selezione secondo cui le cose potrebbero andare al contrario rispetto a ciò che sembra esserci dietro la domanda.

Inoltre, stavano risolvendo prima i problemi più facili, quindi i progressi sembravano rapidi e hanno semplicemente previsto quella velocità di progresso anche oltre il punto in cui era accurato, perché le parti più difficili richiedono più tempo per essere risolte. Grazie a strumenti molto migliori e al lavoro già svolto, i progressi vengono compiuti più rapidamente di prima, ma anche le sfide da affrontare sono piuttosto difficili.

#6
  0
vonbrand
2016-03-01 22:58:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un effetto visibile ad es. nella programmazione, uno dei Sacri Graal era la "programmazione automatica", cioè il fatto che il computer scrivesse un programma partendo da una descrizione di alto livello. Nessuno la chiama più "intelligenza artificiale", è design del linguaggio di programmazione, costruzione di compilatori (Negli anni Sessanta c'era un progetto per costruire un compilatore che fornisse un codice migliore rispetto a programmatori in linguaggio assembly esperti ... e ci riuscirono . Fare questo è pane e burro per i moderni compilatori di ottimizzazione.).

La maledizione dell'IA è che quando scoprono come risolvere un problema, improvvisamente non è più AI. Euristica, ricerca in spazi giganteschi che vengono ridotti a dimensioni gestibili, tutto ciò che si scioglie.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...