Domanda:
Gli antichi matematici africani sono riconosciuti nella storia della matematica?
AskQ
2014-11-04 02:11:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Devo ancora leggere un libro di matematica che menziona antichi matematici africani a qualsiasi livello o livello di dettaglio. C'è scarsa copertura nelle strutture accademiche negli Stati Uniti, forse anche altrove. La maggior parte dei libri ha note a margine che menzionano solo matematici europei e dell'Asia orientale.

Ovviamente, gli antichi egizi avevano molte conoscenze sulla trigonometria, dato che costruirono le piramidi.

Intellettuali greci antichi ben considerati hanno riconosciuto i risultati dei matematici africani in tutti i loro scritti storici . Gli accademici moderni considerano credibili questi antichi autori greci e romani, ma tale credibilità è selettiva nei confronti dei matematici africani. Per esempi specifici, vedi questo link .

Questa domanda sembra essere fuori tema perché sembra uno sproloquio e non una domanda specifica, che richiede una risposta specifica (come per il modello Stack Exchange). Dovrebbe essere riscritto per concentrarsi sulla domanda specifica.
Forse perché senza una persona specifica. le persone sono difficili da ricordare. Quindi, anche se ne scrivono, i lettori non se ne ricorderanno.
ed è qui che siamo veramente 'sulle spalle dei giganti', il loro lavoro permea nelle idee che abbiamo ancora oggi (molte dell'antica Grecia e di Roma ... ad es. Teorema di Pitagora ecc.)
IMHO Il collegamento sembra avere problemi simili alla domanda. Probabilmente ci sono alcune informazioni affascinanti lì, ma sono nascoste tra i riferimenti a schiavi vs proprietari di schiavi, ecc.
Allo stesso modo, c'è una domanda molto legittima all'interno della domanda simile a un rant.
Questa è più una domanda (o una sfuriata, se lo desideri) sui pregiudizi di contenuto dell'educazione storica piuttosto che sulla stessa "Storia della scienza e della matematica". È un argomento interessante per gli storici praticanti che potrebbe rientrare nel nostro [History SE] (http://history.stackexchange.com) - cioè perché esistono questi pregiudizi - ma non è davvero in tema per * questo * sito.
Questo è molto meglio - modifica molto buona, @EllieKesselman, felice di votare per riaprire.
Grazie mille, @user22: o) Ho provato duramente, perché questo è importante, come Didone ed Enea.
Due risposte:
#1
+16
Ellie Kesselman
2014-11-04 03:19:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non credo che quanto segue sia vero:

Perché è così difficile per molti studiosi e scrittori bianchi di oggi riconoscere che gli antichi matematici africani hanno svolto un ruolo molto importante nello sviluppo di matematica.

I matematici del Nord Africa, l'attuale Egitto, Tunisia (vecchia Cartagine), Algeria e Marocco sono ampiamente e prontamente riconosciuti dagli studiosi * di tutte le razze per i loro successi nella teoria dei numeri , logica matematica, algebra, geometria e trigonometria. Questi matematici dell'antichità avevano nomi arabi, ebrei, latini e greci, ma geograficamente erano tutti africani. "Matematici africani" includono anche i matematici dell'antica Siracusa, Alessandria e l'area terrestre appena a nord dello Stretto di Gibilterra (penso anche ai Mori, che erano più contemporanei che antichi ... forse).

Per quanto riguarda le Grandi Piramidi di Giza, non sappiamo ancora come furono costruite queste strutture, né i nomi di chi le costruì. Ciò rende difficile qualsiasi riconoscimento esplicito.

* Esempi specifici possono essere trovati in libri di testo di matematica di Apostol in particolare questo libro di testo, Calcolo Io .

Il downvoter si preoccuperebbe di approfondire i suoi problemi con questa risposta?
Siracusa non è in Africa.
@fdb So che Siracusa non è in Africa. Nemmeno l'area terrestre a nord dello Stretto di Gibilterra lo è. Tuttavia, quello che penso di voler dire quando ho scritto questa risposta è che c'erano molte persone dal nord Africa che hanno viaggiato e si sono trasferite a Siracusa e nel sud della Spagna, e viceversa, avanti e indietro attraverso il Mediterraneo, che provenivano dal nord Africa.
#2
+9
Tom Au
2014-11-04 20:55:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I matematici africani sono riconosciuti nella storia.

Ciò che è vero è che la maggior parte dei matematici africani riconosciuti sono nordafricani. Questo perché l'Egitto, la Libia, la Tunisia, l'Algeria, ecc. Si trovano sul "margine meridionale" del Mediterraneo, e quindi faceva parte del mondo "classico" dell'Europa meridionale e del Medio Oriente.

anche vero che i matematici subsahariani non sono ben riconosciuti almeno fino ai tempi moderni. Quei luoghi erano remoti, sia per pura distanza, ma soprattutto per i mezzi di trasporto dai "centri" di civiltà più a nord.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...